Ti raccontiamo la storia di Russell Athletic, il brand che ha rivoluzionato le divise e l’abbigliamento sportivo in generale a partire dagli inizi del ‘900, quando si usavano maglie in lana e ai pantaloni una bella cintura di pelle. C’era una volta…

Nel 1902 in Alabama, più precisamente ad Alexander City, Benjamin Russell capisce che la biancheria che indossa non è abbastanza stilosa e decide di avviare un business di biancheria, prende vita la Russel Manufacturing & Co. Poco tempo dopo, la maglieria di Russell è sulla pancia di tutti in città, ma il figlio all’epoca sbarbato Benjamin Russell Jr (lo so gli americani ci battono in quanto a creatività nei nomi) chiede al papà di fargli dei vestiti per giocare a football perché fino ad allora si trovava solo abbigliamento sportivo in lana – e se hai mai corso nella tua vita anche solo per prendere la 90 dovresti sapere che c’è qualcosa di più indicato della lana per l’attività fisica.

A questo punto della classica storia di intraprendenza americana, Russell si inventa la felpa. Ti rendi conto? Se cerchi i vestiti su eBay sai bene che si chiama sweatshirt, ecco si traduce “maglia per sudare” ed è stata una svolta. Se non ci credi cerca su Google.

Ok ma, in che senso “inventato” la felpa?
Nel 1922 Bennie Russell, che giocava nella squadra di football dell’università dell’Alabama, suggerì a suo padre di adattare un capo che produceva al tempo – un pigiamone di cotone spesso e morbido da donna chiamato union suit per creare delle divise ampie e senza colletto per lui e i suoi compagni di squadra. È così che furono inventate le “sweatshirt”, chiamate così da un anonimo dipendente di Russell.

Benjamin, il fondatore di Russell e scopritore del capo che indossi in questo momento, purtroppo perde la vita durante la Seconda Guerra Mondiale, ma il brand esplode letteralmente diventando il primo fornitore di abbigliamento sportivo americano dagli anni ’60 ai ’90.

Tutt’ora l’azienda di Alexander City è leader nel campo delle divise sportive dei più importanti college americani. Insomma Russell è ambasciatore dell’immaginario college che conosciamo bene anche oltre oceano.

Per il 2013 Russel Athletic propone una linea basic ispirata appunto alle origini del brand e visto che la maglia per sudare usata di 100 anni fa non è il massimo da indossare, ti consigliamo di accaparrarti la roba nuova.

Segui Russell Athletic su Facebook.